AVVISO DI SOSTITUZIONE OCCASIONALE PER AGGIORNAMENTO

DR. A. SEGANTINI

ASSENTE

Da SABATO 12/12 a SABATO 14/12

SOSTITUTO

DR. MARCO CASTELNUOVO

3246680005

ORARI INVARIATI

 

VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE 2019-2020

VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE STAGIONALE 2019-2020

DR. A. SEGANTINI

RACCOMANDA LA SUDDETTA VACCINAZIONE.

VACCINERA’ PERSONALMENTE A DOMICILIO

I PROPRI PAZIENTI ALLETTATI

E, NELLE SEDI, NELLE DATE  E NEGLI ORARI RIPORTATI IN SEGUITO

LA FASCIA DAI  65 ANNI IN SU

E I POSSESSORI DI OGNI ETA’ DI ESENZIONE ROSA PER PATOLOGIA

AMBULATORIO DI DOMASO

A PARTIRE DA MARTEDI’ 05/11

DURANTE LO SVOLGIMENTO DEI VARI AMBULATORI IN SETTIMANA(esclusa prima mezz’ora)

AMBULATORIO DI VERCANA

GIOVEDI’ 07/11

DURANTE LO SVOGIMENTO DELL’AMBULATORIO

AMBULATORIO DI LIVO

VENERDI’ 8/11

DURANTE LO SVOLGIMENTO DELL’AMBULATORIO

 

NUOVO PIANO TERAPEUTICO PER DIABETICI

Alla scadenza del vostro Piano Terapeutico attuale per i vari presidi è necessario presentarsi in ambulatorio per il rinnovo MUNITI DEL GLUCOMETRO, DELLE SIRINGHE E DEGLI AGHI ATTUALMENTE IN USO. Solo così sarà possibile rinnovare.

 

TUTTI I POSSESSORI DELLE ESENZIONI SUDDETTE DEVONO RECARSI, A PARTIRE DAL 15/04/2019, IN QUALUNQUE FARMACIA PER IL RINNOVO ANNUALE DELLE STESSE.

 

Dopo attenta analisi della situazione sono giunto ad una conclusione critica che posso riassumere in tre punti fondamentali:
1) Con la riforma la stesura del PAI (Piano Assistenziale Individuale) viene affidata a un Gestore, nel nostro caso a me, che mi troverei a decidere, come vostro medico curante, su ogni possibile forma di cronicità in base a schemi predefiniti. Ciò porterebbe ad un conflitto pressoché inevitabile con gli specialisti, attualmente scelti di comune accordo con voi, i quali, non partecipando alla stesura del PAI verrebbero di fatto relegati ad un ruolo secondario innaturale di semplici esecutori di esami e visite previsti dal PAI stesso. Il tutto magari non condividendolo per nulla.
2) Con la riforma si pone il problema dell’assunzione di responsabilità medico legale rispetto alle scelte diagnostiche, terapeutiche e di tempistica che attualmente sono giustamente attribuite allo specialista. Nel quadro attuale il medico curante di famiglia espleta la funzione di garante, confidente e conoscitore globale del paziente che gli consente un ruolo terzo di verifica, supervisione e coordinamento a mio avviso prezioso. Nel ruolo di Gestore invece sarebbe direttamente responsabile delle scelte contenute nel PAI pur non avendone la competenza specialistica.
3) Con la riforma deriverebbe un enorme aumento degli espletamenti burocratici da parte mia (gestione di oltre 500 PAI da redigere, aggiornare, completare, modificare) a fronte di poco significativi vantaggi per i pazienti (prenotazioni e scadenziari altresì rigidi).
PER TUTTE QUESTE RAGIONI HO COMUNICATO IL MIO RECESSO DA GESTORE. CIO’ HA COME EFFETTO L’ANNULLAMENTO DEL PATTO DI CURA CHE ABBIAMO FIRMATO INSIEME AL MOMENTO DELL’ARRUOLAMENTO. SENZA ALCUNA CONSEGUENZA NE’ PER VOI NE’ PER ME.
SONO SPIACENTE DI NON ESSERMI RESO CONTO PRIMA DEI DIFETTI E DELLE CRITICITA’ DI QUESTA RIFORMA E DI CIO’ MI SCUSO CON I PAZIENTI CHE HANNO PARTECIPATO ALL’ARRUOLAMENTO.
AL MOMENTO QUINDI CONTINUIAMO COME SEMPRE IN ATTESA CHE LE CRITICITA’ DI QUESTA RIFORMA POSSANO ESSERE EVENTUALMENTE SUPERATE IN FUTURO.

 

GOSSIP O NON GOSSIP

Dr. SEGANTINI IN PENSIONE? TROPPO GIOVANE, GRAZIE.
SE NE RIPARLA NEL 2024
CON BUONA PACE DELLE PIU’ O MENO INTERESSATE VOCI DI POPOLO
#AVANTI CON PASSIONE

 

CONTINUA LA MIGRAZIONE BUROCRATICA DELLA NOSTRA AREA VERSO LA ATS (AGENZIA DI TUTELA DELLA SALUTE) DELLA MONTAGNA CON SEDE A SONDRIO E CHE RAGGRUPPA L’ALTO LARIO, LA VALCAMONICA E LA VALTELLINA.
LE VECCHIE ASL NON ESISTONO PIU’ E LA NOSTRA D’ORIGINE, DI COMO, E’ CONFLUITA CON VARESE A FORMARE LA ATS INSUBRIA.
NESSUNA CONSEGUENZA PRATICA PER L’ASSISTENZA NEL NOSTRO TERRITORIO CHE PER I SERVIZI FARA’ RIFERIMENTO ALLA ASST (AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE) CHE DELLA ATS DI MONTAGNA E’ ESPRESSIONE OPERATIVA CON IL COMPITO DI EROGARE LE PRESTAZIONI SANITARIE E SOCIO-SANITARIE AL FINE DI GARANTIRE LE PRESTAZIONI E LE CURE TERRITORIALI IN SINERGIA CON GLI OSPEDALI CHE CONFLUIRANNO NELLE AZIENDE STESSE.
IN SOSTANZA PER IL CITTADINO NULLA CAMBIA MA SI SPERA CHE MOLTO MIGLIORI!!!!!
BUONA CONTINUAZIONE A TUTTI.