Dopo attenta analisi della situazione sono giunto ad una conclusione critica che posso riassumere in tre punti fondamentali:
1) Con la riforma la stesura del PAI (Piano Assistenziale Individuale) viene affidata a un Gestore, nel nostro caso a me, che mi troverei a decidere, come vostro medico curante, su ogni possibile forma di cronicità in base a schemi predefiniti. Ciò porterebbe ad un conflitto pressoché inevitabile con gli specialisti, attualmente scelti di comune accordo con voi, i quali, non partecipando alla stesura del PAI verrebbero di fatto relegati ad un ruolo secondario innaturale di semplici esecutori di esami e visite previsti dal PAI stesso. Il tutto magari non condividendolo per nulla.
2) Con la riforma si pone il problema dell’assunzione di responsabilità medico legale rispetto alle scelte diagnostiche, terapeutiche e di tempistica che attualmente sono giustamente attribuite allo specialista. Nel quadro attuale il medico curante di famiglia espleta la funzione di garante, confidente e conoscitore globale del paziente che gli consente un ruolo terzo di verifica, supervisione e coordinamento a mio avviso prezioso. Nel ruolo di Gestore invece sarebbe direttamente responsabile delle scelte contenute nel PAI pur non avendone la competenza specialistica.
3) Con la riforma deriverebbe un enorme aumento degli espletamenti burocratici da parte mia (gestione di oltre 500 PAI da redigere, aggiornare, completare, modificare) a fronte di poco significativi vantaggi per i pazienti (prenotazioni e scadenziari altresì rigidi).
PER TUTTE QUESTE RAGIONI HO COMUNICATO IL MIO RECESSO DA GESTORE. CIO’ HA COME EFFETTO L’ANNULLAMENTO DEL PATTO DI CURA CHE ABBIAMO FIRMATO INSIEME AL MOMENTO DELL’ARRUOLAMENTO. SENZA ALCUNA CONSEGUENZA NE’ PER VOI NE’ PER ME.
SONO SPIACENTE DI NON ESSERMI RESO CONTO PRIMA DEI DIFETTI E DELLE CRITICITA’ DI QUESTA RIFORMA E DI CIO’ MI SCUSO CON I PAZIENTI CHE HANNO PARTECIPATO ALL’ARRUOLAMENTO.
AL MOMENTO QUINDI CONTINUIAMO COME SEMPRE IN ATTESA CHE LE CRITICITA’ DI QUESTA RIFORMA POSSANO ESSERE EVENTUALMENTE SUPERATE IN FUTURO.

 

Comments are closed.